Proposta di atto aziendale ASL

 

A seguito della emanazione del Piano della Salute da parte della Regione Puglia, la ASL Bari ha predisposto la bozza di atto aziendale nel quale riorganizza il sistema ospedaliero e territoriale dei servizi sanitari sottoposti in via preliminare alla Conferenza dei Sindaci della stessa Asl.

Il Comune di Ruvo di Puglia, preso atto della proposta di atto aziendale della ASL di Bari, ha ritenuto dover far pervenire al Direttore Generale della ASL - Avv. Lea Cosentino - una nota nella quale sono suggeriti, alla luce dei bisogni espressi dal territorio comunale, una proposta di modifiche alla bozza.

 

Si pubblica la nota del Sindaco del Comune di Ruvo di Puglia, indirizzata al Direttore Generale della ASL Bari,  Avv. Lea Cosentino.

 

            In ordine alla proposta di Atto Aziendale della ASL BA sottoposto alla Conferenza dei Sindaci tenutasi in data 03 – 12 – 2008, il Comune di Ruvo di Puglia osserva quanto segue:

            Prioritariamente va sottolineato che la prospettiva del presidio esistente è chiaramente quella della struttura post-acuzie.

            In assenza di un presidio per acuti, è di chiara evidenza l’esigenza del territorio di un forte potenziamento delle strutture territoriali in contemporanea integrazione con i servizi socio-assistenziali, nella logica peraltro già espressa dal Piano della Salute.

            Fatta tale rapida premessa, il Comune di Ruvo di Puglia chiede:

in ordine ai servizi ospedalieri:

  1. il ripristino della lungodegenza, mantenendo almeno i sedici posti attualmente funzionanti;
  2. il mantenimento dei sedici posti di riabilitazione previsti nell’Atto, caratterizzandoli specificamente quali posti di riabilitazione neuro-motoria;
  3. il potenziamento di due posti letto in aggiunta ai sedici posti rene previsti nell’Atto Aziendale proposto;

in ordine ai servizi territoriali:

            premesso che l’Amministrazione Comunale di Ruvo di Puglia:

  • sta avviando la realizzazione di una RSSA (Residenza Socio Sanitaria Assistita) da 30 posti e l’adeguamento dell’esistente Casa di Riposo;
  • ha già programmato, nell’ambito del Contratto di Quartiere 2, la realizzazione di una RSA (Residenza Sanitaria Assistita);
  • ha già realizzato (seppure non ancora funzionante) una Comunità a dimensione familiare per disabili gravi prive di figure parentali, nella logica del “dopo di noi”;
  • ha attivato da anni l’ADS (Assistenza Domiciliare Sociale) e, in collaborazione con la ASL, l’ADI (Assistenza Domiciliare Integrata;

premesso tutto quanto sopra,

a implementazione dei Servizi Territoriali già previsti dall’Atto, si ritiene necessario istituire:

La Casa della salute, quale “luogo di ricomposizione naturale delle diverse attività territoriali”, comprensiva di:

  1. del già realizzato Ospedale di Comunità;
  2. del Poliambulatorio Specialistico, in gran parte già esistente e carente delle seguenti specialità che, dunque vanno previste:

·         Gastroenterologia, Medicina interna, Geriatria, Reumatologia, Allergologia, Medicina Fisica e Riabilitativa, Ostetricia e Ginecologia, Odontoiatria, Neuropsichiatria Infantile, Oncologia, Diabetologia, Chirurgia Generale, Pneumologia;

  1. del Punto di Primo Soccorso esistente (la cui funzione va potenziata);
  2. del Servizio di 118, già esistente;
  3. del potenziamento all’ADI dei posti attualmente previsti.

            Nella stessa ottica, deve essere prevista la trasformazione della Struttura Semplice di radio-diagnostica in Struttura Semplice di Servizi Territoriali (i dati dimostrano che il servizio, tra il 2007 e il 2008, incrementa in modo significativo la sua funzione come servizio all’esterno, dunque a valenza territoriale, servendo ben 6.852 pazienti a fronte dei 6.187 del 2007).

            Tra l’altro la trasformazione di tale struttura semplice da ospedaliera in territoriale permetterebbe il potenziamento dei servizi territoriali con l’ecografia domiciliare, utile anche per gli interventi di ADI.

            Fiducioso in una favorevole accoglienza delle istanze del territorio qui rappresentate, si porgono distinti saluti.

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato > (1303 valutazioni)